MARCO SERAFINI AMICI

SOFIA - ISTANBUL 2017

BAMBINE GIPSY E UN SOFFICE TAPPETO

Il gigante di cemento, il National Palace of Culture (NDK), ci si para davanti. Sonnecchia, stanco e immobile mentre il grigiore comunista di Sofia viene smantellato definitivamente, anno dopo anno. Adolescenti fanno evoluzioni spettacolari con skateboard e BMX americane, ignari del passato storico che ancora oggi fatica ad abbandonare la capitale bulgara. Due bambine gipsy ci chiedono qualche soldo e uno “zapalka”, l’accendino; sguardo fiero e triste quello dei gipsy, che in Bulgaria sono praticamente una nazione nella nazione, con le loro regole, le loro usanze e la loro poca voglia di integrazione.

Che sia questa una risposta al risveglio del sentimento nazionalista dei bulgari? Che fra tutti, vedono proprio nei gipsy il pericolo più grande. Tutto si trasforma velocemente nella città che Costantino amava chiamare “la sua Roma”.

Ma dov’è la tua anima, Sofia? Nei caffè e nei pub di Vitosha Boulevard? Nelle vecchie signore con la spesa nel carrello? Nella tua vita notturna? O forse proprio alle spalle di NDK, in quella montagna, Vitosha appunto, che veglia sulla città da secoli come spettatore attento e divertito di un popolo ancora in cerca del proprio cammino.

Il viaggio fino a Istanbul è interminabile, i controlli estenuanti. Una volta ottenuto il tanto agognato timbro sul passaporto, il treno scorre lento verso la voragine marina che accoglie la vecchia Costantinopoli. L’impatto con la città è intenso, pregno di sensazioni e odori. Una moltitudine incontrollata di minareti trafora la città e si posa in cielo, dove il richiamo del Muezzin può meglio comunicare che l’ora di preghiera ha inizio.

La piazza, dove la grande Moschea Blu e Aghia Sofia si fronteggiano, è un turbinio di persone e pellegrini unico al mondo. Aspettiamo il nostro turno per entrare nella Moschea Blu. Quando la preghiera finisce siamo dentro.

Il soffice tappeto accoglie i nostri piedi stanchi e, mentre ci sediamo a terra estasiati dalla magnificenza della struttura, una donna con un velo rosso, gli occhi chiusi e le mani congiunte attira la nostra attenzione. E’ persa nella preghiera, assorta nella grandezza e nella sacra spiritualità che serpeggia sinuosa all’interno della Moschea.

Prendiamo spunto e, noi come lei, ci perdiamo, letteralmente ipnotizzati dalla storia della capitale turca.

Testo di Daniele Mulas

PUBBLICAZIONE
ERODOTO108 il reportage di viaggio
http://www.erodoto108.com/24522-2/

Daniele Mulas nasce a Roma nel 1991, si appassiona alla scrittura e al viaggio con gli scritti di Tiziano Terzani. Laureato in comunicazione, scrive e collabora per la produzione di piccoli reportage fotografici con diverse riviste e testate giornalistiche online. Ama il suo cane, la fotografia, il basket, il vino rosso, la pasta Amatriciana e l’Asia, continua fonte di ispirazione e rifugio mistico contro la materialità dell’Occidente. Attualmente lavora in radio per una NGO in Bulgaria grazie al progetto europeo EVS.

SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017
SOFIA - ISTANBUL 2017

97 images | slideshow

ITA - Informativa sui cookie • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies, cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookie tecnici, cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookie policy • This website uses cookie technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies, by clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies, by clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.marcoserafiniamici.com/sofia_istanbul_2017-p16796

Share link on
Chiudi / Close
loading